Senza categoria

Passeggini BREVI: Come scegliere quello adatto

come scegliere un passeggino-brevi.jpg

Sarei stato immensamente felice se qualcuno vicino a me avesse ho spiegato cosa ti spiegherò oggi: quali tipi di passeggini Brevi ci sono e cosa dovremmo sapere per fare un buon acquisto. L’argomento “Cosa, come e dove dobbiamo comprare per il nostro bambino” è senza dubbio il più difficile e il maggior numero di grattacapi e conflitti si generano nella coppia.

Poche persone vi dicono che mentre aspettate un figlio, quelle 40 settimane che chiamiamo gravidanza, devi studiare. Almeno, nella prima gravidanza. Certo, devi conoscere il bambino stesso, i cambiamenti nel corpo della madre e la nascita, il postpartum e quella parola che non sapevi di nulla ma che non dimenticherai mai e che non è altro che “puerperium”. A quelle conoscenze biologiche dobbiamo aggiungere altre più complicate e molto meno emotive.

 

Le parti del passeggino o sedia evolutiva

I passeggini hanno, al massimo, tre pezzi oltre al telaio (le gambe e le ruote), cioè, tre “cubicoli” diversi da attaccare allo stesso telaio e portare il nostro bambino in diverse forme e / o fasi:

1. La navicella per il neonato, che sta sdraiato come in un letto.

2. Il passeggino, che useremo da 5 o 6 mesi, quando il bambino sa come tenere la testa da solo.

3. Il gruppo 0, noto anche come  “uovo”.

passeggini brevi

Normalmente un passeggino evolutivo ha sempre una culla e una sedia e, a volte, un gruppo 0. A seconda del marchio, tutto viene comprato insieme Obbligatorio o possiamo acquistare i pezzi separatamente e scegliere quelli che vogliamo e quelli che non lo facciamo.

Ciò di cui abbiamo bisogno per trasportare nostro figlio

Quando abbiamo un bambino, per poter fare una passeggiata o per la casa dei nonni abbiamo bisogno di due cose:

1 . un “luogo” dove portarlo con le ruote per strada.

2. una sedia per la nostra macchina quando vogliamo viaggiare con il bambino

Per il primo, per camminare, abbiamo due opzioni:

1. portalo in una navicella.

2. prendilo in un gruppo 0. Il gruppo 0 può venire con il passeggino che abbiamo comprato o possiamo acquistarlo separatamente guardando sempre che è compatibile con il telaio del nostro passeggino. A volte dovremo acquistare alcune parti dell’adattatore per farlo.

Per andare in auto, abbiamo altre due opzioni:

1. Acquista una sedia esclusiva per la macchina, che installeremo il primo giorno e resterà lì, non la lascerà.

2. Avere un gruppo 0 che ci consenta di portare il bambino sia in macchina che a passeggio. Per me, questa seconda opzione è molto comoda, ma ti dirò di più sulla prossima settimana quando parliamo di seggiolini per auto. Fondamentalmente, abbiamo il gruppo 0 montato sul nostro telaio del passeggino mentre scendiamo per strada, quando arriviamo alla macchina lo smontiamo e lo mettiamo sul sedile della macchina facendogli passare la cintura.

Come prendere il neonato: la componente culturale

Il modo di trasportare i neonati ha una componente culturale importante: in Italia, per esempio, quasi tutti i bambini vanno in una navicella, e molti professionisti sconsigliano di prenderli in un gruppo 0, perché difendono la teoria che la schiena del bambino deve essere orizzontale in ogni momento.

Tuttavia, almeno secondo me, questa teoria viene smantellata quando viaggiamo ad altri paesi, ad esempio l’Inghilterra o gli Stati Uniti, e possiamo passare un’intera settimana senza vedere una sola navicella per strada: tutti i bambini vanno nel famoso gruppo 0. Scusami, ma non credo che tutti i bambini americani abbiano subito danni nella sua colonna per non aver usato la navicella.

Alla fine, le ragioni per scegliere di portare un bebè nella navicella o nel gruppo 0 possono essere diverse:

– economico (avere solo il gruppo 0 e non comprare una navicella è un risparmio) ,

– funzionale (a volte avere una navicella può essere utile per quando siamo fuori la notte, o anche per il bambino a dormire in esso quando siamo a casa)

– come dico, culturale o sociale.

Dobbiamo anche tenere a mente che una navicella dura al massimo 6 mesi, e quindi dobbiamo avere abbastanza spazio per riporla a casa. Un gruppo 0 serve fino a 9 kg o, se è un gruppo 0+ (come nel caso del marchio Maxicosi) fino a 13, che è più di un anno o anno e mezzo.

La ​​lista dei bisogni

La mia raccomandazione personale quando affronti la decisione di quale carrello della spesa deve fare una lista di cose importanti che il passeggino ha nella tua situazione specifica. Il carrello perfetto non esiste, cioè quello che potrebbe essere perfetto per te potrebbe non essere per gli altri, devi studiare un po ‘per trovare quello che si adatta alle tue esigenze.

Ti darò il nostro esempio. Il nostro passeggino Brevi doveva essere, per quanto possibile

1. Leggero (dobbiamo caricare un impianto senza un ascensore a casa)

2. Piccolo (prima abbiamo 7 piani con ascensore, ma è un piccolo ascensore)

3. Fuori strada (stiamo viaggiando persone, ci piace andare in spiaggia, in campagna e sulla neve)

4. Preferibilmente con la navicella (se si desidera viaggiare con un bambino molto piccolo, le culle degli hotel sono troppo grandi ed è più comodo passare la notte nella navicella.) È anche comodo fare un sonnellino a casa dei nonni o lasciare il bambino poche ore a casa di qualcuno)

5. Il gruppo era 0 (o lo compra separatamente) I motivi erano due: da un lato, ci piaceva l’idea di camminare nel gruppo 0, da cui il bambino vede più mondo che dalla navicella, e d’altra parte sembrava comodo avere il possibilità di andare nei luoghi in auto senza portare la navicella, perché consente di risparmiare spazio nel bagagliaio al momento di effettuare l’acquisto, ad esempio.

6. Che la navicella fosse la più leggera, pieghevole e semplice possibile, essere in grado di tenerla a casa quando abbiamo smesso di usarla senza essere troppo traumatica. Ora sono alla moda, ad esempio, valigie rigide approvate per andare in auto, che può essere una buona invenzione, ma occupano molto spazio in un loft o in un ripostiglio. Era chiaro che non poteva essere.

Brevi, modelli e prezzi

Di marche, modelli e prezzi non posso dirti tutto. Ci sono così tante opzioni che è impossibile conoscerle tutte e, soprattutto, non le ho provate tutte. Posso dirti quali sono stati i nostri finalisti e cosa abbiamo comprato.

Coloro che avevano la navicella pieghevole e più leggera risultarono essere il passeggino BREVI Grillo e l’Ovo car. Entrambi sono praticamente lasciati in un panno e un tavolo con un materasso.

Ci sono piaciuti anche quelli del modello Marathon, che ha un bell’aspetto e ha un ottimo prezzo ma che scartiamo subito perché in Spagna abbiamo solo puoi acquistare per catalogo (cioè senza provarlo prima di pagarlo)

Come ho detto, studiamo molto e proviamo molto anche nei negozi, perché, dal mio punto di vista, il carrello viene usato tutti i giorni, e sembra una vera seccatura dover usare tutto il giorni per molti mesi o anni qualcosa che non ti piace o che non ti piace.

La ​​nostra decisione

Alla fine della storia, studiamo tutto per comprare quello che molti comprano senza guardare di più: il Ovo thin. Prima di fare lo studio, eravamo fermamente convinti che il fatto che questo passeggino fosse un leader nelle vendite e un oggetto del desiderio di padri e madri fosse una combinazione esplosiva di moda e marketing. In effetti, abbiamo attraversato la fase di “non compreremo quella che ha tutto il mondo” che è durata mesi.

Il marchio BREVI non è il più costoso, e, inizialmente, abbiamo pensato che il prezzo non corrispondesse ai criteri di qualità. Tuttavia, dopo averlo studiato bene, ci siamo convertiti e ora siamo alcuni utenti felici.

L’unico dubbio che ci rimane è quello di aver acquistato il modello Ovo al posto di Twin. La differenza tra l’uno e l’altro, a parte circa 400 euro in meno rispetto all’ape, è che il twin ha una navicella e l’altro no. In cambio, l’altro è più leggero, piega in un unico pezzo ( e può anche adattare un gruppo 0 per il neonato.

diciamo, se decidi che non vuoi una borsa, è una buona opzione per risparmiare un po ‘e avere un prodotto di qualità.

In entrambi i casi, il gruppo 0 deve essere acquistato separatamente. Il modello Ovo costa al momento circa 180 euro. Inoltre, gli adattatori necessari per tutti i BREVI valgono circa 38 euro. Tienilo a mente quando fai il tuo budget. In cambio, si salva il seggiolino per almeno 10 mesi (è l’età in cui abbiamo acquistato un altro seggiolino per auto)

Come risparmiare sull’acquisto

Fondamentalmente conosco tre modi per risparmiare quando acquisto qualsiasi tipo di oggetto per il bambino:

1. Confronta i prezzi nei negozi online. Questo funziona per alcune marche, per altre no. Raramente troveremo uno sconto, ma è sempre utile cercare su google e amazon.

2. Le fiere del bambino, vogliono dare il periodo di sconto a tutti nella sezione dedicata all’infanzia. Tutti i marchi hanno un 15% e vale, come ho detto, per i marchi a prezzo fisso in cui di solito non troviamo sconti

3. La migliore delle tre opzioni, dal mio punto di vista, è questa: il mercato dell’usato. Oltre ai negozi specializzati in questo tipo di articoli, gli annunci su ebay, di seconda mano o sui milanunci, tra gli altri, sono una fonte di affari. Soprattutto nel mondo del bambino, dove a volte ci sono cose che a causa di circostanze che le persone hanno ripetuto, o che hanno appena usato, è consigliabile consultare questa opzione prima di lanciare per comprare un nuovo oggetto. Recentemente abbiamo acquistato un seggiolino nuovo di zecca, risparmiando il 25% del suo prezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *